Azioni Volkswagen

Analisi tecnica su Volkswagen

Le azioni di Volkswagen, come la gran parte dei titoli azionari, hanno messo a segno corposi recuperi nella seconda parte del 2020 e nei primi mesi del 2021. A far volare il titolo, però, sono stati anche i buoni numeri di bilancio da parte dell’azienda, così come la sua crescente esposizione nel settore delle auto elettriche. Le vendite di auto ibride ed elettriche, infatti, sono notevolmente cresciute nell’ultimo anno, arrivando a superare quota 133.000 unità. Va ricordato come Volkswagen miri ad ottenere la leadership nel settore delle auto elettriche entro il 2025, sinora detenuta da Tesla.

Analisi tecnica su azioni Volkswagen

Durante la crisi generata dalla pandemia del covid le azioni di Volkswagen sono scivolate sotto quota 100 euro, arrivando a toccare dei minimi in area 80 euro. Successivamente, però, il trend è stato quasi unicamente a senso unico, con corposi rialzi che hanno trascinato il titolo. La casa automobilistica tedesca si è dapprima assestata fra i 110 ed i 130 euro (aprile maggio 2020), per poi accelerare nettamente ad inizio 2021. La rottura rialzista dei 155 – 160 euro ha fornito nuovo slancio rialzista, spingendo il titolo oltre quota 200 euro. Nel marzo 2021 le azioni sono arrivate a dei massimi in area 250 euro, per poi iniziare un percorso di lateralizzazione. I due successivi tentativi di strappo rialzista, nel mese di aprile 2021, si sono fermati in area 240 – 245 euro. Da qui è partita una nuova correzione che ha portato il titolo Volkswagen a ritestare la soglia psicologica dei 200 euro nel mese di maggio.

Il successivo rialzo si è spento in area 240 euro, innescando una nuova frenata. Le ultime settimane per l’azione Volkswagen sono state caratterizzate da movimenti laterali fra i 200 ed i 215 euro, con una crescente pressione ribassista. Nonostante ciò, sino a quando il supporto dei 200 euro terrà ci troveremo in uno scenario relativamente difficile da interpretare. Di fatto al momento la sfida fra tori ed orsi prosegue in maniera incerta, in attesa di una chiara direzionalità.

L’eventuale rottura ribassista dei 200 euro per azione offrirebbe uno spunto ribassista, innescando sicuramente degli ordini di take profit e stop loss da parte degli investitori posizionati long. Per contro, un superamento dei 218 – 220 euro potrebbe generare un nuovo allungo verso i 240 ed eventualmente un nuovo test in area 250 euro.

Capitalizzazione di mercato

Al momento, con il titolo Volkswagen scambiato in area 200-205 euro, la capitalizzazione dell’azienda si attesta a 125 miliardi di dollari. Il price earning ratio è basso, collocandosi in area 6.

Da notare come lo stesso indicatore per Tesla sia in area 600, ossia circa su valori cento volte più alti. Al tempo stesso, la capitalizzazione di Tesla si trova in area 600 miliardi di dollari, circa 500 miliardi di euro, ossia il quadruplo di Volkswagen. Dati su cui l’investitore può riflettere.

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin